Aggiornamento iOs 14 e Facebook Ads

Aggiornamento ios14 e Facebook Ads

È il tema caldo del momento, quello tra Apple e Facebook. Apple, infatti ha annunciato cambiamenti alla privacy per tutti gli utenti IOS14( il cui aggiornamento è previsto nel 2021). Gli utenti avranno un pop-up in cui dovranno decidere se venir tracciati oppure no, da qualsiasi app, con l’obiettivo di tutelare la privacy dell’utente.

Ogni utente IOS14 dovrà autorizzare manualmente il tracciamento dei propri dati personali, come mostrato nell’immagine

Il popup che appare agli utenti iOS di Facebook

Perchè per Facebook è un problema?

Facebook, ha mostrato totale disappunto per questa decisione evidenziando che tale decisione causerà danni importanti alle piccole-medie imprese che con le inserzioni personalizzate aumentano il loro business; è previsto un taglio di oltre il 60% delle vendite per le PMI in quanto la maggior parte degli utenti a cui verrà richiesta l’autorizzazione esplicita dei dati negheranno il consenso all’uso dei propri dati.

Facebook, basa il suo advertising sulle informazioni per differenti funzioni come riferire su azioni, acquisti da annunci, remarketing, etc. Senza queste informazioni, il targeting su Facebook Ads viene meno.

Originariamente l’aggiornamento era previsto per Agosto 2020, ma le forte pressioni di Facebook ha fatto sì che Apple posticipasse alla primavera 2021 l’update, ed ora che siamo vicini alla data ci si chiede quali misure effettivamente saranno interessate.

Facebook, ha evidenziato che le misurazioni interessano Ads Manager, Ads Reporting e Ads Insight API; tutto ciò porterà all’eliminazione della finestra di attribuzione di 28 giorni ( che non sarà più supportata), mentre la finestra di attribuzione dei clic di 7 giorni ci sarà ancora.

Per cercare di recuperare i dati persi dagli utenti IOS14 Facebook utilizzerà dei modelli statistici: alcune finestre avranno solo una segnalazione parziale e all’interno della piattaforma si segnalerà che questi modelli sono stati utilizzati; inoltre le conversioni che avvengono saranno segnalate in base a quando si sono verificate e non a quando c’è stata l’impression dell’annuncio.

Come interviene Facebook?

Per cercare di ridurre al minimo l’impatto della perdita di dati, Facebook ha creato “Aggregated Event Measurement” – Misurazione aggregata degli eventi- di cui affermano ” È progettato per aiutarvi a misurare le prestazioni della campagna in un modo che è coerente con le decisioni dei consumatori sui loro dati”. In questo quadro, gli inserzionisti saranno limitati ad 8 eventi di conversione tracciati per dominio, e potrebbero essere 8 eventi basati su pixel o 8 conversioni personalizzate.

Come funziona il calcolo degli 8 eventi? Ad esempio, si ha sia Aggiungi al carrello che Acquista come 2 eventi degli 8. Se un utente compie entrambe le azioni, verrà registrato solo l’evento Acquista con “priorità più alta”. Se un evento dovesse essere modificato, ci sarà una sospensione di 3 giorni fino a quando non potrà eseguire campagne con il nuovo evento; in questo modo ci sarà un giorno di attribuzione e massimo 2 giorni di ritardo definiti “periodo di raffreddamento” .

e le altre applicazioni come hanno reagito?

Ovviamente l’update previsto da Apple non riguarda solo Facebook, ma tutte le applicazioni. Google ancora non ha comunicato se seguirà l’esempio di Facebook con finestre di attribuzione più piccole. Hanno reso molto chiare le loro intenzioni di andare senza cookie nel 2022, fino ad allora molti esperti del settore raccomandano di utilizzare i tag UTM e Google Analytics per poter avere gli insigh, dove possibile.


È possibile prendere visione delle raccomandazioni di Facebook a questo link